pubblicato il 21-03-2017 ~

QUELLO CHE OK

Il progetto  “QUELLO CHE LE DONNE NON MERITANO” è stato valutato positivamente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità. Pertanto il Liceo Vittoria Colonna si aggiudica tra i vincitori del bando contro la violenza di genere.

Il Progetto vanta la  collaborazione con “ANSA”  e “Fondazione Sotto I Venti”.

“Quello che le donne non meritano”  prevede il coinvolgimento di docenti, famiglie e studenti, azioni ed interventi 2.0 mirati alla prevenzione e al contrasto del fenomeno della violenza, alle regole fondamentali della convivenza civile, alla eliminazione degli stereotipi di genere, sviluppando temi, approfondimenti e  servizi di taglio giornalistico che richiamano costantemente l’educazione alla cultura della Legalità e della Cittadinaza Attiva.

 

Gli studenti che partecipano al progetto avranno una grande opportunità formativa infatti sono previste diverse attività quali laboratori di ricerca e selezione delle fonti, ideazione e stesura di un monologo/racconto corredato di illustrazioni e destinato ad una performance di lettura e di rappresentazione teatrale e elaborazione di uno storyboard con realizzazione di un video multimediale realizzato attraverso l’utilizzo di tecniche di comunicazione multimediale.

 

A conclusione non solo gli studenti avranno più “strumenti” per comprendere la realtà culturale in cui vivono ma svilupperanno anche azioni di inclusione, innalzamento degli esiti, social skills con competenze nell’ambito della scrittura digitale.

                                                                                                                                                                                                    IL DIRIGENTE SCOLASTICO                                                                                                                                                                                                    Prof.ssa Lina Maria Rosaria D’Amore

articolo 1_rivoluzione sì ma con stile

articolo 2_la storia non può essere la stessa